Azioni online: tutto quello che c’è da sapere

Uno dei mercati in assoluto più interessanti per coloro che vogliono fare trading online è il mercato delle azioni. Dopo tutto le azioni sono tante, rendono bene e possono essere monitorate in maniera opportuna visto che sono sotto la lente dei mezzi di comunicazione molto di più che altri mercati.

Fare trading di azioni è una scelta intelligente, ma è adatta a tutti? In teoria sì, tutti possono fare trading di azioni e ovviamente guadagnare anche tanto. Ma c’è un ma: per riuscire a ottenere profitti con le azioni bisogna sapere bene quello che si fa, ci vuole passione, intelligenza, dedizione. E un pizzico di fortuna sicuramente non fa male.

Ma come si fa a investire in azioni e guadagnare? Per prima cosa bisogna conoscerle, le azioni italiane. Ecco perché potrebbe essere utili visitare la pagina dedicata alle azioni di TradingOnline.me, il sito di riferimento in Italia per tutti coloro che fanno trading online. La pagina si trova all’indirizzo http://www.tradingonline.me/azioni. Come si vede la pagina contiene un elenco di tutte le azioni italiane più importanti. In questo modo è possibile conoscere le storie che stanno dietro alle imprese per investire con successo e guadagnare.

Non è un caso che partiamo proprio con il suggerimento di studiare un sito che contiene le migliori schede per le azioni italiane. Quando si opera in Borsa, è fondamentale conoscere l’azione su cui si scommette. Ci sono degli investitori che pensano che, se fai analisi tecnica, allora puoi ignorare completamente quello su cui stai investendo. Secondo la maggior parte degli esperti di trading online questo approccio non funziona e anzi può anche causare perdite consistenti.

E’ vero, se si fa analisi tecnica non è strettamente necessario conoscere tutti i dettagli del sottostante, un’altra cosa è non conoscere proprio nulla. Ricordo parecchi anni fa, quando cominciai per la prima volta ad operare sui mercati finanziari, quando vidi il valore di un’azione scendere. Opportunità interessante, mi dissi. Avrei comprato (per fortuna non avevo ancora accesso a internet o ad un broker per il trading azionario). La verità è che si trattava di una società che stava per fallire e che quindi crollava in borsa per questo motivo. Gli eventuali pattern che si potevano individuare erano falsati proprio perché la società stava per chiudere e quindi c’era un fuggi fuggi da parte degli investitori.

Ecco questi sono i rischi che si corrono quando si prova a investire sulle azioni senza sapere assolutamente nulla del titolo. Il consiglio che si da a tutti, anche a coloro che si vantano di operare semplicemente con l’analisi tecnica, è quello di verificare con attenzione almeno lo stato di salute finanziaria della società: spesso basta una scheda riassuntiva e qualche flash di agenzia sulle trimestrali.

Come investire in azioni

Ma come si fa a investire in azioni? Molto spesso si pensa, sbagliando, che investire in azioni significhi semplicemente comprare azioni. Non è affatto così, anzi. Investire in azioni significa ottenere un beneficio economico a partire dalla variazione dei mercati azionari, partendo da un capitale che molto spesso, nel caso di coloro che giocano in borsa da casa, è molto piccolo.

Per investire in azioni non è strettamente necessario acquistare fisicamente il titolo:
nella maggior parte dei casi è una pratica assolutamente sconsigliata. Il modo migliore in assoluto per investire in azioni è quello di sottoscrivere derivati che hanno come sottostante l’azione stessa. Il vantaggio è immenso: si riesce a guadagnare sia quando il valore dell’azione sale sia quando scende. Nel caso di acquisto diretto dell’azione, i guadagni ci sono solo quando il valore sale e sono solo guadagni virtuali perché non si possono incassare fino a quando non si vende l’azione. Se invece il prezzo scende, le perdite sono pesanti e molto, molto reali. Inoltre nella maggior parte dei casi è estremamente più oneroso, in termini di commissioni, possedere direttamente l’azione piuttosto che sottoscrivere derivati. Molti dicono che possedere l’azione ha almeno in vantaggio di poter incassare i dividendi. Ora, anche tralasciando il fatto che in tempi di crisi economica e finanziaria pesante i dividendi sono piuttosto scarsi, bisogna ricordare che ci sono broker di contratti per differenza (una delle forme di derivati più usata in assoluto) che pagano persino i dividendi distribuiti dalle azioni. Inoltre, è opportuno ricordare che tutti i titoli azionari nel giorno dello stacco del dividendo perdono esattamente il valore del dividendo stesso. In pratica la quotazione di un’azione incorpora, si dice in gergo tecnico, anche il dividendo.